29 Dicembre 2020

Il linguaggio del corpo e i segnali dell’attrazione reciproca

Tutti sappiamo che attraverso il nostro corpo comunichiamo continuamente con il mondo, con un vero e proprio linguaggio fatto di gesti, posture, atteggiamenti e sguardi: pochi tuttavia sanno riconoscere i segnali di attrazione reciproca tra due persone, espressi più o meno consapevolmente.
Come leggere quindi i segni dell’interesse di una persona nei nostri confronti, soprattutto durante i primi appuntamenti?

Un indizio importante, che rivela immediatamente intesa e attrazione, è il movimento del corpo del nostro interlocutore: se mentre parla si inclina e protende verso di noi, avvicinandosi anche in modo appena percettibile, possiamo interpretarlo come un chiaro segnale di apprezzamento.
Se poi durante l’incontro il nostro partner cerca un contatto fisico occasionale, anche solo sfiorandoci una mano o un braccio, significa che la nostra compagnia è particolarmente gradita e che si desidera un livello più profondo di intimità.

Un altro elemento fondamentale è il contatto visivo: uno sguardo prolungato e sostenuto è sinonimo di interesse e di curiosità nei nostri confronti. Se il nostro partner non ci “toglie gli occhi di dosso”, significa che siamo diventati il centro esclusivo della sua attenzione. Uno sguardo di apprezzamento genera un’intesa particolare tra due persone, piacevole e avvincente.

Se durante l’incontro il nostro partner continua poi a toccarsi il viso o i capelli, possiamo interpretare anche questi gesti come indice di gradimento. Le labbra, le guance, il mento e le orecchie sono aree delicate e sensibili che esprimono la vulnerabilità amorosa e il desiderio di piacere all’altra persona.

Risate e sorrisi durante la conversazione sono poi un altro evidente segnale di attrazione reciproca: desideriamo costruire una forte intesa con il nostro partner, ne apprezziamo parole e battute, lo consideriamo simpatico e affascinante. Attraverso il sorriso si trasmettono emozioni positive e sensazioni di benessere, che ci fanno intuire che il nostro partner è a suo agio e si sta divertendo.

L’ultimo ma non meno importante elemento del linguaggio del corpo che durante il corteggiamento può aiutarci a decifrare le intenzioni dell’altro è l’imitazione dei nostri movimenti. La ripetizione involontaria della postura e dei gesti del partner, anche i più semplici e banali come prendere il bicchiere per bere, indicano sintonia e coinvolgimento: un meccanismo innato con basi neurologiche nell’esistenza dei neuroni specchio, che ci permette di sviluppare l’empatia con l’altro e comprenderne le emozioni attraverso processi imitativi e di immedesimazione.

Conoscere il linguaggio del corpo del nostro partner e riuscire a interpretare i segnali di attrazione reciproca si rivela di fondamentale importanza, specialmente durante i primi incontri e nella fase di corteggiamento. Capire se l’intesa e il desiderio sono corrisposti, se la “chimica” è ricambiata, può esserci utile per superare timidezza, insicurezza e paura del rifiuto. Sapere di essere apprezzati ci lascia liberi di esprimere noi stessi al meglio e di lanciarci alla scoperta dell’altro senza timore.
Se anche tu desideri incontrare nuove persone con cui costruire un rapporto di intesa e affinità, segui i nostri suggerimenti e crea subito il tuo profilo personale nel nostro sito: l’amore ti aspetta!