12 ottobre 2021

Credi di non saper amare? Forse è soltanto colpa della depressione.

Condividi:

La depressione, un disturbo estremamente complesso al punto da essere difficile da trattare in un articolo senza cadere in banalità e approcci superficiali. Infatti, le cause della malattia, così come i suoi sintomi, possono essere molteplici. Tra gli esperti di questa patologia, Nadine Kaslow della Emory University, docente di psichiatria e scienze comportamentali, dice che in alcune persone la depressione ha più motivazioni genetiche e in altre è una reazione allo stress esterno.

E anche per quanto riguarda le cause si riscontra la stessa varietà e differenziazione: perdita di un affetto, incidenti lavorativi e molto altro, o presenza di specifici tratti della personalità come tendenza a provare fallimento, inadeguatezza e vergogna.

 Ma l'aspetto che più degli altri tocca ciò di cui si occupa Club di Più è: come può la depressione incidere non tanto sull'amore come relazione, ma sulla capacità stessa di provare “amore”, sia esso verso il partner, una nuova amicizia o un altro tipo di affetto?



L’esperienza della depressione è caratterizzata soprattutto da una visione negativa di sé.


Una delle conseguenze più immediate di questa caratteristica è che il piacere è bandito: il sonno diventa difficoltoso, o al contrario assume la valenza di unico mezzo per allontanare le sensazioni negative (quindi si dorme tanto e male), mentre il desiderio per il cibo, così come il desiderio sessuale, possono sparire, e si tende a evitare tutte quelle situazioni che possono in qualche modo dare sensazioni piacevoli. Si evitano perché si avvertono come “immeritate”, colpevolizzandosi quando si provano.

William Styron nel suo “Darkness Visible: A Memoir of Madness” descrive il momento in cui riceve un prestigioso premio letterario a Parigi, un assegno da 25mila dollari, e non riesce a provare gioia o piacere, avvertendo piuttosto “panico… dislocazione; e una sensazione come se i miei processi logici fossero allagati da una palude tossica e senza nome che impediva ogni possibile risposta gioiosa al mondo vivente.”.


La stessa reazione avviene in relazione al sentimento amoroso e al giovamento che questo può portare. Si opta inconsapevolmente per la sindrome da disconnessione interiore utilizzata come meccanismo di difesa, una vera e propria patologia, che come tutte le malattie va diagnosticata e curata consultando uno specialista, e da cui si può e si deve uscire perché le possibilità per farlo esistono e sono alla portata di tutti. Molto spesso tutto ciò si trasforma nella percezione di una propria mancanza o incapacità. Si pensa di non essere in grado di provare emozioni verso le altre persone come tratto caratteriale radicato e cronico piuttosto che come disturbo risolvibile.

Perciò quando si avvertono i sintomi di questo male oscuro e sfuggente non si deve esitare a parlarne e a chiedere aiuto, se necessario. Guarire e tornare a vivere (e ad amare) è sempre possibile.

ULTIMI ARTICOLI DAL LOVE NOTEBOOK

Perché sono single e come lo affronto: capisci ch [..]

SCOPRI DI PIÙ

Perché partecipare a viaggi organizzati per donne single

SCOPRI DI PIÙ

Come comportarsi al primo appuntamento, le regole di base

SCOPRI DI PIÙ

Visita il nostro canale YouTube

Scopri di più

“Donna di Cuori”: leggi le storie vere di Club di Più!

Scarica l’eBook o richiedi la tua copia cartacea, è Gratuito

Crea il tuo profilo ed entra in Club di Più!

Incontri reali, con persone libere e motivate. Inizia con noi il tuo percorso verso la felicità.
Compila il tuo profilo ed entra nel mondo Club di Più: è gratis!